Il concetto di idrosemina si basa sull'utilizzo dell'acqua come veicolo di trasporto e distribuzione di seme destinato all'inerbimento di terreni che, per varie ragioni, non sono praticabili con le normali macchine e tecniche seminative.
Il principio trova quindi applicazione in tutti quei casi in cui si richiede un inerbimento rapido in condizioni ambientali estreme quali: terreni di riporto che sono privi di elementi fertilizzanti disponibili per le nuove colture terreni in alta quota o con pareti particolarmente verticali, soggette a condizioni ambientali e di dilavamento eccezionali.